Oggetto di particolare interesse nei casi di verifica nell’ambito di interventi ispettivi riguardanti l’analisi di transfer pricing, è la verifica della congruità dei valori oggetto di “riaddebito” nei servizi scambiati fra le varie consociate o tra la capogruppo e le singole affiliate, nonché la ripartizione dei costi che la capogruppo opera fra le diverse controllate relativamente ai servizi accentrati presso la stessa.
È ampiamente dimostrato che l’erogazione di servizi in un gruppo societario si avvale di modelli distributivi eterogenei, in quanto può accadere che sia una società diversa dalla capogruppo quella deputata alla prestazione di servizi a favore delle altre società del gruppo multinazionale, o ben potendo i servizi infragruppo promanare da più entità consociate, come solitamente accade per i servizi di tipo amministrativo, contabile, logistico o, ad un livello ulteriore di complessità, per i servizi di marketing e di ricerca e sviluppo.

Pubblicato su: Fiscalità e Commercio Internazionale n. 07/2022 – 18 luglio 2022

Scarica