Il reato di indebita compensazione previsto dall’art. 10-quater del DLgs. 74/2000 si configura ogniqualvolta il contribuente non versi le somme dovute, utilizzando in compensazione crediti d’imposta inesistenti o non spettanti, per un importo superiore ai 50 mila euro annui. Nell’espressione “somme dovute” rientra qualunque versamento da eseguire mediante modello F24.
Per l’individuazione del perimetro applicativo bisogna richiamare la definizione di crediti inesistenti fornita dall’art. 13 comma 5 secondo periodo del DLgs. 471/97.

Pubblicato su: Eutekne Info – 29 maggio 2020

Scarica