Nell’ambito della gestione d’impresa assume rilevanza l’individuazione delle diverse categorie di rischio a cui l’attività aziendale è (potenzialmente) esposta, nonché l’adozione degli strumenti a disposizione per monitorarle. In particolare, l’impresa è tenuta a compiere una serie di attività per la predisposizione di:

  • modelli di risk management al fine di valutare e misurare il rischio;

  • specifiche strategie per poter governare e/o limitare il rischio stesso.

Una corretta politica aziendale di gestione del rischio fiscale deve tenere conto della capacità dell’impresa di assumere specifici livelli di rischio in circostanze differenti; essa deve pertanto determinare:

  • le risorse necessarie per la gestione delle opportunità e dei rischi sottostanti;

  • la riduzione dei costi che consegue alla riduzione del rischio;

  • l’adozione e l’implementazione di protocolli, linee guida operative e strumenti per l’accertamento del rischio, soggetti a controllo da parte dell’audit interno.

Pubblicato su: Il Fisco – 28 maggio 2020

Scarica