Il Tribunale di Milano si sofferma sull’applicazione del criterio equitativo per determinare il danno in caso di indebita prosecuzione dell’attività sociale

Scarica