Autore: Piergiorgio Valente

In data 29 dicembre 2011, è stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea la direttiva 2011/96/UE concernente il regime fiscale comune applicabile alle società madri e figlie di Stati membri diversi. Essa rifonde la direttiva 90/435/CEE. Nel primo Considerando della suindicata direttiva si rileva che la direttiva 90/435/CEE (cd. direttiva madre-figlia) è stata modificata più volte. Dal momento che ulteriori emendamenti potrebbero essere apportati in futuro, esigenze di chiarezza ne hanno imposto il recast (rifusione). La codificazione della direttiva madre-figlia non risolve tutte le criticità relative all’imposizione dei dividendi transfrontalieri. Suscita qualche interrogativo il fatto che gli utili realizzati da multinazionali comunitarie attraverso società-figlie – situate al di fuori della UE – confluiscano nel mercato comune grazie ai benefici offerti da taluni regimi fiscali nazionali che attirano capitali prevedendo un’imposizione nulla o comunque limitata per i flussi in entrata provenienti dai Paesi terzi.

Scarica