Autori: Piergiorgio Valente, Ivo Caraccioli e Salvatore Mattia

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 17955 del 24 luglio 2013, ha affermato il principio secondo cui la valutazione fiscale dei prezzi di trasferimento praticati nell’ambito di transazioni intercorse tra società residenti (c.d. “transfer pricing interno”) deve basarsi sul rispetto del principio del valore normale previsto dall’art. 9 del Tuir; trattasi di clausola antielusiva che, non solo trova fondamento nei principi comunitari in tema di abuso del diritto, ma anche in settori del diritto tributario nazionale.

Scarica