Autore: Salvatore Mattia

La natura elusiva di una fusione societaria può essere provata per presunzioni purché dotate dei requisiti di legge, non essendo sufficiente il mero “sospetto di elusione”. Così si è espressa la Commissione tributaria regionale del Piemonte nella sentenza n. 39/24/12. I giudici tributari hanno così confermato che, per poter disattendere l’effettiva economicità di un’operazione societaria, le presunzioni utilizzate dall’Amministrazione finanziaria devono essere coerenti con altri elementi oggettivi rinvenibili nel caso specifico, la cui dimostrazione spetta sempre all’Amministrazione stessa.

Scarica