L’elevato numero di convenzioni bilaterali contro le doppie imposizioni rende poco agevole una loro revisione al fine di adeguarne il contenuto alle sfide poste dall’elusione fiscale internazionale. Secondo l’OCSE, si rende opportuno introdurre un meccanismo che consenta di apportare direttamente le modifiche necessarie per l’implementazione delle misure di contrasto all’erosione della base imponibile. L’obiettivo condiviso dai Governi – ed esplicitato nell’Action 15 dell’Action Plan BEPS – è quello di esplorare la possibilità di sviluppare uno strumento multilaterale, il quale dovrebbe avere il medesimo effetto di una “simultanea rinegoziazione” di migliaia di trattati fiscali bilaterali.

Pubblicato su “Rivista Il fisco (il fisco 47-48/2015). Dicembre 2015

Scarica