Lo schema di DLgs. di recepimento delle Direttive n. 2008/8/CE, n. 2008/9/CE e n. 2008/117/CE, approvato il 12.11.2009, contiene, tra l’altro, alcune novità in materia di tassazione dei servizi. Tra di esse, si segnala che:
– a decorrere dal 2010, viene modificata la territorialità delle prestazioni di servizi, invertendo la regola generale, che non sarà più fondata sul luogo di identificazione del prestatore, bensì su quello del committente, ove soggetto IVA. Di conseguenza, nei rapporti business to business (B2B) rileverà, quale luogo di tassazione, quello in cui è stabilito il committente, mentre nei rapporti business to consumer (B2C) si farà riferimento al luogo del prestatore;
– l’obbligo di presentare i c.d. Modelli INTRASTAT viene esteso anche al committente italiano che abbia ricevuto prestazioni di servizi da un soggetto comunitario, anche se il committente è un ente non commerciale, non soggetto passivo. In proposito, sono attesi due ulteriori provvedimenti attuativi (da emanare entro 90 giorni dall’entrata in vigore del citato DLgs.) per l’individuazione delle nuove soglie relative alla determinazione della periodicità di presentazione degli elenchi (solo più mensile o trimestrale) e per l’approvazione dei nuovi modelli;
– sono modificate le disposizioni che regolano i rimborsi ai soggetti non residenti, per l’imposta assolta nel territorio estero.

Scarica