L’art. 2 del D.Lgs. 74/2000 punisce, senza soglie quantitative, l’indicazione in dichiarazione (ai fini delle imposte sui redditi o IVA) di costi fittizi risultanti da fatture “ideologicamente” false (vale a dire, documenti non contraffatti né alterati, ma recanti affermazioni mendaci).

Scarica