Nella sentenza in esame, la Corte di Giustizia si schiera totalmente dalla parte della Commissione europea, accertando l’illegittimità dei limiti previsti nell’ordinamento italiano all’esercizio del diritto alla detrazione dell’Iva assolta sugli acquisti. Un inadempimento, quindi, contestato a carico dell’Italia, con tanto di condanna della stessa alla rifusione delle spese di lite. Nel presente lavoro, verrà presa in esame la recente sentenza del 16 luglio 2009, emessa all’esito della causa C-244/08, con cui la Corte di Giustizia delle Comunità europee (di seguito: la Cgce o, più semplicemente, la Corte) è tornata a valutare la compatibilità con il diritto comunitario della disciplina nazionale italiana in tema di imposta sul valore aggiunto (di seguito: Iva). Come si avrà modo di evidenziare in prosieguo, questa pronuncia riveste uno spiccato interesse in quanto relativa, in dettaglio, alla posizione dei soggetti passivi Iva non residenti in Italia.

Scarica